La fast lane delle idee italiane

Powered by SisalPay

Oppure Accedi tramite

Scopri la timeline GoBeyond

24.09.14
Evento di lancio in Bocconi

15.04.15
Termine raccolta idee

08.05.15
Termine massimo per l'invio del Marketing Plan

22-24.05.15
Proclamazione 3 finalisti

02.06.15
Termine massimo per l'invio del Business Plan

3-10.06.15
Valutazione finale

11.06.15
Premiazione

SUL PALCO DEL WIRED NEXT FEST

Sono state presentate le idee capaci di “andare oltre” DbGlove, Leave Your Baggage e Remidi T8

UN'IDEA SONORA

GoBeyond e RTL 102.5 hanno indagato sul forte legame esistente tra musica, idee e innovazione

IL KNOW HOW COME PREMIO

L’idea vincente otterrà, oltre ad un contributo economico, il supporto di prestigiose aziende.

L'idea vincente

;

14.04.2015 - INTACT dbGLOVE

dbGLOVE è un dispositivo indossabile che digitalizza numerosi alfabeti basati sul tatto già utilizzati dalle persone cieche e sordo-cieche, come Malossi e Braille, per consentire loro di utilizzare tutte le funzionalità di uno smartphone o un tablet, di comunicare con gli altri e di interagire con il mondo. Gli utenti digitano i messaggi su dbGLOVE con l'altra mano, come se fosse una tastiera. I messaggi possono essere visualizzati sullo schermo, possono essere tradotti in audio, e possono essere trasmessi via Internet. Le risposte vengono inviate direttamente a dbGLOVE, che le traduce in vibrazioni che simulano i segnali tattili che rappresentano le lettere sul palmo della mano, permettendo all'utente di leggere il messaggio. L'alfabeto Malossi permette agli individui di realizzare una comunicazione basata sul tatto grazie ad una forma di mappatura sul corpo sulla base di un codice tattile, in cui le lettere sono posizionate sulle falangi. dbGLOVE è un dispositivo indossabile che traduce un'interazione tramite il sistema alfabetico Malossi. Utilizzando l'alfabeto Malossi (un alfabeto tattile ed intuitivo inventato da un sordo cieco italiano), due persone sordo-cieche possono comunicare digitando messaggi da scambiarsi reciprocamente, a turno: essi possono toccare diverse aree del palmo della mano, ciascuna corrispondente a una lettera, e formare dei messaggi comprensibili dal proprio interlocutore. L'alfabeto Malossi è estremamente intuitivo e si basa su segnali tattili di base. Le lettere sono situate in un senso orario sulle falangi. Le lettere dalla A alla O si formano premendo in alcune zone del palmo, mentre le lettere dalla P alla Z sono pizzicate. Ciascuna delle 18 aree sensibili di dbGLOVE include un sensore capacitivo ed un attuatore vibrotattile. Il primo può essere attivato semplicemente toccandolo con un dito, per attivare il segnale di controllo corrispondente. Quest'ultimo è impiegato per generare vibrazioni che simulano un tocco sulla falange. L'alfabeto Malossi è ampiamente impiegato con i bambini e le persone affetti da disturbi cognitivi, che hanno difficoltà, dunque, ad imparare metodi di comunicazione più complessi e articolati (ad esempio, il Lorm o l’alfabeto Braille). La disposizione delle aree può essere applicata a diverse lingue e fonemi. Oltre a rappresentare lettere, segnali singoli o multipli, i segnali tattili possono esprimere concetti più articolati. La persona sordo-cieca può indossare il dispositivo sulla mano sinistra, e può digitare messaggi sul proprio palma, come su una tastiera. Gli impulsi tattili possono rappresentare segnali di controllo ed essere utilizzati per aprire applicazioni, controllare elettrodomestici e inviare comandi. In alternativa, gli impulsi tattili possono costituire messaggi: possono essere visualizzati sullo schermo, tradotti in discorso, o trasmessi su Internet. Intensità, durata, ritmo e tempo di segnali touch possono essere configurati tramite software, per soddisfare le preferenze specifiche di ogni utente. Ogni area sensibile del dbGLOVE può essere rimappata e modificata in una configurazione di controllo a scelta, al fine di supportare le funzioni o le lingue specifiche. Ciò avviene tramite software, senza alcuna modifica dell'hardware. dbGLOVE si collega a qualsiasi dispositivo Bluetooth, come ad esempio smartphone, tablet e PC. dbGLOVE implementa il protocollo Bluetooth Low-Energy (BLE), al fine di risparmiare energia e aumentare la durata della batteria. Il dispositivo supporta tutte le applicazioni mobili più comuni, come client e-mail, browser Internet, la lettura di documenti e la chat. App dedicate possono essere sviluppate utilizzando il dbGLOVE SDK, che sarà rilasciato a breve. Il dbGLOVE SDK supporta applicazioni per la realtà virtuale, la musica e giochi. L’hardware e il firmware di dbGLOVE sono progettati e rilasciati come Open Source, in modo che la comunità possa contribuire al loro sviluppo e al miglioramento.

dbGLOVE è un dispositivo indossabile che digitalizza numerosi alfabeti basati sul tatto già utilizzati dalle persone cieche e sordo-cieche, come Malossi e Braille, per consentire loro di utilizzare tutte le funzionalità di uno smartphone o un tablet, di comunicare con gli altri e di interagire con il mondo. Gli utenti digitano i messaggi su dbGLOVE con l'altra mano, come se fosse una tastiera. I messaggi possono essere visualizzati sullo schermo, possono essere tradotti in audio, e possono essere trasmessi via Internet. Le risposte vengono inviate direttamente a dbGLOVE, che le traduce in vibrazioni che simulano i segnali tattili che rappresentano le lettere sul palmo della mano, permettendo all'utente di leggere il messaggio. L'alfabeto Malossi permette agli individui di realizzare una comunicazione basata sul tatto grazie ad una forma di mappatura sul corpo sulla base di un codice tattile, in cui le lettere sono posizionate sulle falangi. dbGLOVE è un dispositivo indossabile che traduce un'interazione tramite il sistema alfabetico Malossi. Utilizzando l'alfabeto Malossi (un alfabeto tattile ed intuitivo inventato da un sordo cieco italiano), due persone sordo-cieche possono comunicare digitando messaggi da scambiarsi reciprocamente, a turno: essi possono toccare diverse aree del palmo della mano, ciascuna corrispondente a una lettera, e formare dei messaggi comprensibili dal proprio interlocutore. L'alfabeto Malossi è estremamente intuitivo e si basa su segnali tattili di base. Le lettere sono situate in un senso orario sulle falangi. Le lettere dalla A alla O si formano premendo in alcune zone del palmo, mentre le lettere dalla P alla Z sono pizzicate. Ciascuna delle 18 aree sensibili di dbGLOVE include un sensore capacitivo ed un attuatore vibrotattile. Il primo può essere attivato semplicemente toccandolo con un dito, per attivare il segnale di controllo corrispondente. Quest'ultimo è impiegato per generare vibrazioni che simulano un tocco sulla falange. L'alfabeto Malossi è ampiamente impiegato con i bambini e le persone affetti da disturbi cognitivi, che hanno difficoltà, dunque, ad imparare metodi di comunicazione più complessi e articolati (ad esempio, il Lorm o l’alfabeto Braille). La disposizione delle aree può essere applicata a diverse lingue e fonemi. Oltre a rappresentare lettere, segnali singoli o multipli, i segnali tattili possono esprimere concetti più articolati. La persona sordo-cieca può indossare il dispositivo sulla mano sinistra, e può digitare messaggi sul proprio palma, come su una tastiera. Gli impulsi tattili possono rappresentare segnali di controllo ed essere utilizzati per aprire applicazioni, controllare elettrodomestici e inviare comandi. In alternativa, gli impulsi tattili possono costituire messaggi: possono essere visualizzati sullo schermo, tradotti in discorso, o trasmessi su Internet. Intensità, durata, ritmo e tempo di segnali touch possono essere configurati tramite software, per soddisfare le preferenze specifiche di ogni utente. Ogni area sensibile del dbGLOVE può essere rimappata e modificata in una configurazione di controllo a scelta, al fine di supportare le funzioni o le lingue specifiche. Ciò avviene tramite software, senza alcuna modifica dell'hardware. dbGLOVE si collega a qualsiasi dispositivo Bluetooth, come ad esempio smartphone, tablet e PC. dbGLOVE implementa il protocollo Bluetooth Low-Energy (BLE), al fine di risparmiare energia e aumentare la durata della batteria. Il dispositivo supporta tutte le applicazioni mobili più comuni, come client e-mail, browser Internet, la lettura di documenti e la chat. App dedicate possono essere sviluppate utilizzando il dbGLOVE SDK, che sarà rilasciato a breve. Il dbGLOVE SDK supporta applicazioni per la realtà virtuale, la musica e giochi. L’hardware e il firmware di dbGLOVE sono progettati e rilasciati come Open Source, in modo che la comunità possa contribuire al loro sviluppo e al miglioramento.

26.07

Anthilia e l'indice per l’eccellenze imprenditoriali italiane

Anthilia ha creato un indice per l’imprenditoria, l’Indice Pmi, capace di misurare lo stato di salute di aziende non quotate con fatturato compreso tra 20 e 200 milioni di euro.

L’indice sfrutta un algoritmo che combina dati di fatturato, Ebitda e indebitamento di circa 10mila aziende, tutte tra il 2006 e il 2014. All’interno del range di imprese prese come campione sono state identificate le aziende eccellenti e si è confrontata la loro crescita rispetto alla media.

Dallo studio dei risultati è emerso che migliori Pmi sono cresciute circa 8 volte di più rispetto alla media: uno scenario in grado di produrre ritorni molto positivi per gli investitori in ogni condizione di mercato. In particolare, il 25% delle imprese analizzate è cresciuto del 14,3%. Tale crescita si deve soprattutto allo sviluppo di nuovi business.

In un Paese, il nostro, dove i distretti industriali italiani realizzano 62,7 miliardi di avanzo commerciale, praticamente i due terzi dell’intero surplus manifatturiero italiano, non possono non esserci potenzialità da sfruttare in grado di incrementare l’economia nazionale e le relazioni con i mercati esteri.

Fonte: A&F Repubblica

25.07

FindMyLost ti ricompensa quando restituisci un oggetto al suo proprietario

FindMyLost è la piattaforma digitale che permette di ritrovare il proprio oggetto smarrito, grazie a un servizio che prevede una ricompensa per chi lo restituisce.

Disponibile anche per realtà Business, l’app offre i propri servizi a istituzioni pubbliche e private, come Comuni, aeroporti, centri commerciali, università, ecc.

Il progetto, nato durante Expo Milano 2015 e promosso da Padiglione Italia e Accenture, durante l’intera manifestazione ha portato a 3mila restituzioni di oggetti smarriti. Ora l’app è disponibile sia per iOS sia per Android.

Quando qualcuno ritrova un oggetto smarrito, per restituirlo deve registrarsi via App o sito web, fotografare l'oggetto e caricare l'immagine sulla piattaforma, compilando i campi richiesti. Chi ha perso l’oggetto invece può cercarlo inserendo sulla piattaforma una o più parole chiave, il giorno dello smarrimento e il luogo in cui è stato perso. Se l’oggetto è presente nel database, l’app consente alla persona che ha perso l’oggetto e a quella che l’ha ritrovato di interagire.

È possibile offrire una ricompensa non obbligatoria come ringraziamento, che il sistema suggerisce intorno al 10% del valore dell’oggetto.

Fonte: Corriere Innovazione

22.07

Taskhunters porta fuori il cane e passa in lavanderia

Taskhunters è l’app che mette in contatto 650mila studenti universitari italiani con 2milioni e mezzo di privati, aiutandoli nelle piccole faccende quotidiane.

Già lanciata con un progetto pilota a Milano, l’app prevede di espandersi entro l’anno in tutta Italia. Gli ideatori, un team giovanissimo rientrato da esperienze lavorative all’estero, ha pensato a un modo per ridare tempo alle persone da investire nelle loro attività personali che permetta anche di guadagnare qualcosa.

Come funziona? Un utente pubblica una mansione da svolgere, sceglie la persona più idonea per svolgerlo tra quelle geolocalizzate dall’app e aspetta che gli studenti accettino la ricompensa o contrattino. Tra le mansioni ricorrono attività che qualsiasi studente è in grado di svolgere quando può.

Il sistema di feedback reciproco e di controllo degli utenti da parte degli ideatori poi consente all’app di garantire un servizio efficiente.

Tra gli obiettivi quello di proiettarsi nelle città universitarie europee più dinamiche, come Londra, Madrid, Lisbona, Berlino e Parigi, di raggiungere i 20 milioni di potenziali utenti e i 2,5 milioni di studenti.

Fonte: Corriere Innovazione

Cerchi Aiuto?

FAQ

Cartella stampa

contatti@gobeyond.info

Chiudi

Per recuperare la tua password compila il form inserendo l'indirizzo email con il quale hai effettuato la registrazione

A breve riceverai all'indirizzo di posta, utilizzato per la registrazione, una email nella quale sono riportate le istruzioni per il recupero password.

Chiudi

CARTELLA STAMPA

Caricamento...

Chiudi