• it
2021
18 luglio 2022

Ittinsect

Mangime sostenibile sviluppato per l’acquacoltura e per ridurre la sovrapesca, contrastando l’uso massiccio della farina di pesce nell’itticoltura.

Negli ultimi 30 anni il consumo globale di pesce è raddoppiato portando ad un significativo impoverimento della biodiversità marina. Tuttavia, gran parte del pesce pescato non viene usato per l’alimentazione umana, ma per essere trasformato in farine e oli di pesce per l’itticoltura. Al problema della sovrapesca hanno trovato una soluzione i fondatori di Ittinsect, la startup vincitrice della categoria “Per un futuro più sostenibile” nella quinta edizione di GoBeyond.

Ittinsect sviluppa e produce mangime sostenibile per l’acquacoltura, un prodotto che coniuga il valore proteico della farina di pesce tradizionale all’economia circolare, in quanto si parte da farine di insetti che si nutrono di scarti agricoli arricchendo così il loro valore proteico.

Scopri di più su com’è nata l’idea nell’intervista che abbiamo fatto ad Alessandro Romano e Andrea D’Adazzio, CEO e CTO di Ittinsect.

Altri articoli

Esistono persone che dedicano la vita a risolvere un problema e lavorano per migliorare il mondo in cui vivono: sono i GoBeyonders. Noi vogliamo farli incontrare, metterli in connessione, per diffondere le loro idee e aumentare l’impatto delle loro azioni.